Macchiato, corretto, lungo o corto, il caffè è il rito che per eccellenza distingue il popolo italiano e a cui gli italiani non possono proprio rinunciare. Oltre che ad avere benefici a livello sensoriale, la caffeina presente nel caffè, contribuisce a destare e accelerare il metabolismo con un effetto stimolante, rendendoci immediatamente disponibili ad una attività fisica e celebrale.

La bontà e genuinità dei limoni di Sicilia e dell’olio extravergine di oliva si fondono per dare vita a dei biscotti: gli Zigarì. È così che questi biscotti portano in tavola sapori e profumi della Sicilia.

Limoni e olio extravergine di oliva sono solo due dei prodotti che questa terra ci regala. Prodotti che racchiudono in sé non solo l’inconfondibile gusto, ma anche molte proprietà benefiche.

Il limone è un vero e proprio dono della natura, fin dall’antichità veniva considerato una sorta di “panacea per tutti i mali”. È un frutto indispensabile e insostituibile per gli innumerevoli effetti benefici e curativi: protegge il sistema immunitario, aiuta la digestione, riduce i livelli di colesterolo, contrasta l’arteriosclerosi sono solo alcuni dei benefici di questo frutto.

Il contenuto calorico dei limoni, inoltre, è molto basso, mentre è molto ricco di acido citrico, acido malico, olii essenziali, oligominarali con abbondanza di potassio, vitamina A ,B e C. Il limone in cucina viene largamente usato, sia sotto forma di succo, sia come condimento e va ad arricchire molti piatti. La sua scorza, molto aromatica, viene spesso inserita negli ingredienti per preparare ed insaporire i dolci.

Non da meno è anche l‘olio extravergine d’oliva. Alimento conosciuto e stimato in ogni parte del mondo, l’olio extravergine d’oliva esprime pienamente l’essenza della dieta mediterranea.

L’olio, che deriva dalla spremitura a freddo delle olive, fattore che garantisce che tutte le sue componenti nutritive si conservino per diverso tempo, è riconosciuto per le sue innumerevoli virtù. Grazie alle sue proprietà, l’olio extravergine è un ottimo alleato contro numerosi attacchi al nostro organismo, aumenta, ad esempio, il colesterolo buono e abbassa quello nocivo. È ricco di antiossidanti e di sostanze con proprietà antinfiammatorie e favorisce la digestione.

Proprietà che il Biscottificio Tumminello ha deciso di incorporare in un biscotto, gli Zigarì, per renderli adatti in ogni momento della giornata. Perfettamente adattabili al gelato, alla granita per uno spuntino o come modo alternativo di fare colazione nelle calde giornate d’estate.

Dal gusto delicato, gli Zigarì non sono dei semplici biscotti al limone, ma sapranno deliziare il vostro palato in modo unico.

I biscotti Tumminello nascono dall’amore per una tradizione che si tramanda di generazione in generazione. Antiche ricette ed ingredienti semplici che restituiscono sapori genuini.

Anche il periodo delle festività pasquali è per noi del Biscottificio Tumminello un momento molto importante per recuperare alcune tradizioni peculiari del nostro territorio.

A Castelbuono, paese adagiato sulle Madonie nel quale si trova la nostra azienda, è consuetudine preparare per Pasqua dei dolci molto particolari: i Cosi i Pasqua.
Anche quest’anno, come da tradizione, abbiamo voluto preparare queste golose specialità. Si tratta di una preparazione lunga e laboriosa, ricreata sulla base di antiche ricette che vengono custodite in ogni famiglia e tramandate.
Questi antichissimi biscotti si presentano sotto varie forme che richiamano il tema pasquale. Si possono trovare i biscotti a forma di agnellini, campane, cuori, pupe e tanto altro. Le varie forme non vengono ricreate da stampi o formine, ma vengono realizzate interamente a mano. Anche la loro sagoma, dunque, è frutto dell’abilità e della maestria di chi li prepara.

Infine, i Cosi i Pasqua vengono decorati con glassa di zucchero, i diavulicchi, ovvero gli zuccherini colorati, ed i cannittigli, zuccherini con dentro i pezzetti di cannella.
La tradizione vuole che vengano consumati già durante la colazione della Domenica di Pasqua, dopo il digiuno del Venerdì Santo e del Sabato Santo.

Data la loro particolare forma e la loro bellezza, sono spesso un regalo originale da donare ad amici e parenti: un regalo che racconta della Sicilia e delle sue millenarie tradizioni e che noi, anno dopo anno, continuiamo a riproporre per mantenere vivo un legame con la storia del nostro territorio che ci permette di offrire sapori semplicemente genuini.

Eccovi una gallery fotografica della preparazione di questi deliziosi biscotti all’interno del nostro laboratorio.

 

A Castelbuono, nel cuore del Parco delle Madonie, si è tenuta domenica 19 giugno 2016 la giornata di formazione sui grani duri siciliani con laboratorio teorico-pratico di panificazione.

Nel corso dell’incontro è stato possibile osservare e imparare le corrette tecniche di preparazione del pane presso il panificio – biscottificio Tumminello, ma anche confrontarsi sui benefici di queste farine, sull’alimentazione e sui vantaggi della filiera corta.

Lavorare le antiche farine siciliane richiede un’altrettanto antica conoscenza perché, essendo relativamente povere di glutine, la lavorazione e la cottura differiscono almeno parzialmente dalle pratiche usuali.

Nello specifico, durante il laboratorio sono stati svelati i segreti del grano Nero delle Madonie o nero Madonita, marchio registrato dalla cooperativa Madreterra, che viene prodotto esclusivamente a Gangi dal giovane agricoltore Giuseppe Dongarrà e molito da Molini Riggi.

Gli antichi grani siciliani, antichissimi e non modificati, sono generalmente poveri di glutine, caratteristica da non sottovalutare per chi riscontra problemi di sensibilità al glutine.

Sempre più aziende di piccole e medie dimensioni coscienti del problema hanno scelto di rivedere i propri prodotti. Tra questi il nostro biscottificio, da tempo sensibile a questo diffuso problema alimentare e che ha riscoperto gli antichi grani di Sicilia come il timilia, noto anche come tumminia, e il maiorca, creando tutta una linea di biscotti preparati con farine da essi ricavate.

Generalmente, si tratta di varietà rivalutate in tempi relativamente recenti e che quindi ancora sfuggono alla grande produzione. Ciò da una parte rende meno semplice reperirle, ma dall’altra favorisce lo sviluppo di una filiera corta che permette non solo di risparmiare e di garantire un prezzo più equo ai produttori, ma anche di avere maggiore coscienza della provenienza di ciò che si acquista. Un tema molto sentito che, infatti, è stato affrontato durante la giornata.

Nel pomeriggio il convegno introdotto da Annalisa Sferruzza è stato dedicato a diversi argomenti fondamentali:

  • le farine e la tradizione mediterranea
  • la qualità e la tradizione siciliana della preparazione del pane soprattutto in riferimento al grano Nero delle Madonie
  • l’importanza della filiera corta illustrata attraverso il progetto sperimentale di micro filiera sviluppato dall’Associazione di Promozione dei “Grani antichi dell’Hymera e dell’Halycos”.

Tematiche cardine che hanno arricchito e animato l’incontro che ha visto intervenire gli oratori Annamaria Cangelosi (associazione Castelbuono Scienza), Marina Castiglione, Alfio Spina, Pasquale Tornatore e le studentesse dell’ISIS G. Salerno di Gangi (PA).

La Sicilia è una terra ricca che da millenni si distingue per la fertilità del suolo, per la generosità del sole che la scalda e la riempie di luce e per le ampie vallate adatte a ospitare ampie distese di grano dorato.

Fino al 1927 nell’isola si contavano 52 varietà autoctone di frumento che col tempo hanno, però, lasciato spazio a sementi con una migliore resa per ettaro che permettevano produzioni più abbondanti a prezzi inferiori.

Sebbene accantonati per lungo tempo, questi grani antichi non sono mai stati abbandonati del tutto e negli ultimi anni la coltivazione ha ricominciato a crescere in quasi tutte le provincie siciliane.

Date le preziose caratteristiche di questi storici frumenti originari della Sicilia, tra i quali le varietà timilia (o tumminia) e maiorca (o mjorca), sono coltivati e lavorati in biologico, mantenendo intatte tutte le caratteristiche nutrizionali e organolettiche.

Oltre all’assenza di OGM, questi grani vengono anche macinati a pietra. Questo permette di conservare il germe dei grani, le vitamine, i sali minerali e le proteine che rendono il prodotto non solo più sano, ma anche più digeribile.

Il grano duro timilia, in passato diffuso anche in Portogallo, Spagna, Francia e Nord Africa, ha un ciclo breve e viene seminato a inizio anno, tendenzialmente a marzo e raggiunge la piena maturazione in estate. Resiste molto bene alla siccità, è ricco di oligoelementi, povero di glutine e altamente proteico. Grazie alle sue qualità è molto adatto anche alla preparazione di pane con l’aggiunta di poca acqua.

Tra i grani antichi teneri uno dei più apprezzati è il maiorca, una spiga quadrangolare che raggiunge i 180cm di altezza adatta ai terreni aridi e caratterizzata da una maturazione veloce.
La sua farina, morbida e impalpabile è particolarmente adeguata alla preparazione di dolci, ma anche di pani bianchi, grissini e soprattutto biscotti; inoltre è spesso usata nella realizzazione della pasta reale e, secondo alcuni ricercatori, sarebbe stata alla base delle prime ricette della scorza dei cannoli siciliani.

Anche questo grano ha un basso contenuto di glutine (circa il 50% in meno dei grani moderni) ed è ricco di proteine, per cui è molto digeribile e nutriente.